Archivio di April, 2014

Dentro c’è una strada per Parigi

Postato in I LIBRI DEL MESE il April 11, 2014 da admin01 – 16 Comments

esecutivo Dentro c'e  una strada per Parigi_esecutivo SnobAdèle si aggira per le strade del suo quartiere a Parigi, e sembra fragilissima nel suo cappotto sbilenco di lana beige. Ha ottant’anni, e la città si schiude davanti ai suoi occhi come un paesaggio lontano ed estraneo: gallerie d’arte al posto di calzolai, corniciai  e bot­teghe passate per secoli di padre in figlio; corridoi di supermercati anziché la lun­ga e rassicurante fila di negozietti di un tempo.

Adèle è sola. Sébastien, suo figlio, vive a Londra, dove continua a trascurarla e a non condividere con lei pensieri e affetti. Il giorno in cui, dopo il secondo ictus, suo marito se n’è andato, Adèle ha pianto, ma soltanto perché si è sentita colpevolmente sollevata. Era diventato irriconoscibile, come «una statua con gli occhi strabuzzati», ha osato confessare a Martha, la giovane donna che vive con una bambina piccola nell’appartamento affianco al suo.

Fino a qualche tempo fa Martha divideva casa con Marc e, da agen­te immobiliare, aveva la testa piena di nozioni di estimo, norme di diritto, leggi fiscali, regolamenti edilizi. Poi divorzio e disoccupazione hanno vinto per lei ogni altra combinazione di problemi.

Ora, dopo aver accompagnato la piccola Eline a scuola, fa colazione da sola con le calze ai piedi e le briciole dei biscotti della figlia sul tavolo. Un modo come un altro per ritardare l’inizio della giornata. A volte se ne va al par­co e a zonzo per il quartiere con Eline recitando filastrocche, can­tando e rientrando col pane dell’ultima sfornata. A volte sale al piano di sopra e, per guadagnare qualcosa, rigoverna l’appartamento di Jacob Lundman, un uomo con una voce profonda e morbida e gli occhi così neri che la pupilla si confonde con l’iride.

Adèle piace così tanto a Eline che la piccola non capisce perché non vivano insieme dato che abi­tano sullo stesso pianerottolo, porta a porta, e dato che Adèle è sola e anche loro lo sono. Eline le lascia ogni tanto dei disegni sul­lo zerbino e Adèle risponde con delle cara­melle, dei biglietti di ringraziamento o delle filastrocche che la bambina recita con la madre prima di dormire, come una preghiera.

Adéle, Martha, Eline: tre donne sole e inquiete, alla ricerca di un posto del mondo dove stare e  ritrovarsi o, come dice la più piccola delle tre, di una strada che li riporti a casa. La solitudine sembrerebbe irrimediabile, se l’amore, «il dolore più gran­de e la più grande consolazione» secondo le parole di Adéle, non facesse nuovamente irruzione nella loro vita a indicare che è nel cuore che c’è una strada per Parigi.

Romanzo finalista del Premio Neri Pozza 2013.
«Nòvita Amadei fa il suo ingresso sontuoso nella narrativa italiana contemporanea con un romanzo che colpisce al cuore delle donne, toccando le corde del desiderio di maternità e della forza morale delle donne».
Sandra Petrignani
«Un romanzo di delicata e struggente sensibilità che sorprende per maturità e bellezza dello stile».
Stefano Malatesta

Nòvita Amadei è nata a Parma nel 1978. Per motivi familiari e professionali ha soggiornato in diversi Paesi, tra cui anche a Parigi. Attualmente vive a Marsiglia. Dopo aver lavorato come ricercatrice e formatrice all’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) a Roma, dal 2008 è coordinatrice del programma francese di reinserimento dei rifugiati. È autrice di numerose pubblicazioni scientifiche e di racconti che hanno vinto premi letterari italiani. Dentro c’è una strada per Parigi è il suo primo romanzo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.7/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

MARGUERITE

Postato in Uncategorized il April 10, 2014 da donatella galeazzi – Sii il primo a commentare

Marguerite ovvero Nenè , Margot, Duras : infanzia, età forte, vecchiaia.
La scrittura della Petrignani è evocativa come quella della Duras: procede per immagini, ricordi. La vita della scrittrice è narrata con voce discontinua, con salti temporali , flash di memoria. Se la Duras ha scritto la sua vita come un romanzo, la
Petrignani l’ha immaginata come un romanzo perchè ritiene che una biografia è un po’ una lapide, mentre un romanzo restituisce il soffio della vita .
In Marguerite ho trovato la Duras che ho immaginato leggendo i suoi romanzi: la bambina che subisce gli schiaffi della madre violenta, ma ribelle a ogni comando, l’ adolescente che scopre il desiderio, la donna che non sa resistere alla seduzione, la militante che si batte contro le ingiustizie del colonialismo, l’intellettuale che condanna il razzismo dei suoi connazionali, l’anziana che non rinuncia all’amore di un giovane e a lui affida le sue ultime parole scritte.
La Petrignani mi ha fatto entrare nelle case abitate dalla Duras, ho partecipato alle confidenze con le amiche attrici, ero presente alle sue battaglie politiche , sono entrata nei set dei suoi film.
Un bellissimo romanzo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

La Duras alla radio

Postato in Uncategorized il April 3, 2014 da maggie – Sii il primo a commentare

Non mancate di riascoltare la trasmissione di RaiRadio3, La Grande Radio, dedicata alle tante interviste su Marguerite Duras:

http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-43f8b407-0057-4e53-8714-3cc0a6db8110.html#

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

© 2017. Bookclub Neripozza. All rights reserved. web agency web agency urbangap