Neri Pozza [0]

news

Julian Fellowes e Sandra Petrignani al Festival Letteratura di Mantova 2014

31.07.2014
Julian Fellowes e Sandra Petrignani al Festival Letteratura di Mantova 2014

        Julian Fellowes, attore, sceneggiatore e scrittore britannico, vincitore, nel 2002, dell’Oscar per la migliore sceneggiatura originale...

La cena di Herman Koch diventa un film e va a Venezia

30.07.2014
La cena di Herman Koch diventa un film e va a Venezia

Liberamente ispirato al libro La cena di Herman Koch, esce il 5 SETTEMBRE nelle sale italiane il film del regista Ivano De Matteo, con Alessandro...

Joshua Ferris e David Nicholls nella longlist del Booker Prize

24.07.2014
Joshua Ferris e David Nicholls nella longlist del Booker Prize

L'inglese David Nicholls, autore del best seller "Un giorno", con il nuovo "Noi" (in uscita in Italia a novembre) L'americano Joshua Ferris con il...

cerca un libro

newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter, sarete sempre aggiornati su tutte le nostre iniziative e pubblicazioni.




 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

Scheda libro

Le novità Neri Pozza

ritorna

G.

Autore: John Berger
Titolo: G.

collana: I narratori delle tavole

ISBN 978-88-545-0539-1
Pagine 416
Euro 18,00
Collana: I narratori delle tavole

Figlio di un ricco commerciante livornese e della sua giovane amante nordamericana, G. viene concepito nel 1886, quattro anni dopo la morte di Garibaldi, l’eroe che ha incitato la nazione a diventare se stessa, l’uomo che a ogni italiano sarebbe piaciuto essere. Il suo apprendistato alla vita si svolge nella campagna inglese, affidato alle cure dei cugini materni Beatrice e Jocelyn, superstiti di una famiglia aristocratica decaduta e di una classe sociale in estinzione. Allontanato dalla madre e dal padre, condannato fin dall’origine al destino di chi non ha patria né appartenenza, G. incarna fino in fondo l’individuo contemporaneo in bilico tra libertà e solitudine, invenzione di sé e autodistruzione.
Lo troveremo, raffinato involontario europeo ante litteram, nelle principali città degli stati-nazione degli anni a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento: Parigi, Milano, Londra, Trieste. Cosmopolita, poliglotta, innamorato di altrove, costeggerà con l’interesse freddo dell’osservatore distante i grandi rivolgimenti storici, politici, sociali, tecnologici della sua epoca, spingendo il suo sprezzo per la vita “come ci è data” fino a morirne.
Attraverso un’arditissima scrittura romanzesca, che di continuo si ferma a interrogarsi su se stessa, sul ruolo del narratore, sull’impossibilità di descrivere senza distorcere, sul desiderio dello scrittore (fatale alla verità) di dire tutto, Berger indaga l’asimmetrico assetto della Storia. Da una parte i potenti, dall’altra i deboli e gli espropriati e, più specificamente, come sia andato disegnandosi lungo l’asse del potere il ruolo delle donne e quello degli uomini, quali abusi siano stati tacitamente subiti o siglati dalle prime e perseguiti dai secondi, con quali effetti di deformazione sulla vita dei due sessi e della società nel suo complesso. G. come Garibaldi. G. come Don Giovanni. G. come il nome che John Berger dà – o sceglie di non dare – al protagonista del radicale romanzo/saggio che nel 1972 gli fece vincere l’ambito Booker Prize, il più importante premio letterario inglese, e che oggi torna in una nuova traduzione italiana.
Un romanzo che analizza, contesta, interroga, rivela, suggerisce, mostra il farsi delle cose proponendo così anche il loro possibile disfarsi, invitando con forza i lettori a fare la loro parte, a mettersi in gioco. Una formidabile e provocatoria sfida narrativa e intellettuale, un affresco storico carico di pathos, che riconosce solo all’individuo il diritto di mettere in discussione il confine tra vita e morte.

M.N.

ordinabile a IBS

Romanzo vincitore del Booker Prize 1972.

«Opera che mescola meravigliosamente dettaglio storico e meditazione sessuale… G. si inscrive nella tradizione di George Eliot, Tolstoj, D.H. Lawrence e Norman Mailer».
The New York Times


«John Berger, narratore, critico, giornalista, sceneggiatore, anche pittore, attore, ma soprattutto uomo di sguardo. Scrive con l’occhio, un occhio lungo. E ciò che scrive è geniale, semplice, preciso».
la Repubblica

l'autore

John Berger

John Berger

Nato a Londra nel 1926 e da oltre trent’anni residente in un piccolo villaggio delle Alpi francesi, John Berger è noto in tutto il mondo come critico d’arte, poeta, giornalista, narratore, sceneggiatore cinematografico, autore teatrale e disegnatore. Tra i suoi libri di narrativa tradotti in...

dello stesso autore: