Neri Pozza [0]

news

CATALOGO NERI POZZA PER LE SCUOLE

01.02.2024
CATALOGO NERI POZZA PER LE SCUOLE

E' finalmente disponibile il catalogo Neri Pozza con introduzione per gli insegnanti.   Guida agli insegnanti I professori interessati a proporre i...

Calendario Letterario Neri Pozza 2018

09.11.2017
Calendario Letterario Neri Pozza 2018

NERI POZZA PRESENTA il Calendario Letterario 2018, in omaggio con l'acquisto di due libri della casa editrice. Vedi qui l'elenco delle librerie...

Presentazione delle opere finaliste della Sezione Giovani e Annuncio della Cinquina Finalista

12.09.2017
Presentazione delle opere finaliste della Sezione Giovani e Annuncio della Cinquina Finalista

PREMIO NAZIONALE DI LETTERATURA NERI POZZA - SEZIONE GIOVANI   12 settembre -  ore 18.30   Fondazione Adolfo Pini -  Circolo dei Lettori di...

cerca un libro

newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter, sarete sempre aggiornati su tutte le nostre iniziative e pubblicazioni.




 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

Scheda libro

Le prossime uscite Neri Pozza

ritorna

Guida degli smarriti

Autore: Jean d'Ormesson
Titolo: Guida degli smarriti

collana: Biblioteca Neri Pozza

ISBN 978-88-545-1494-2
Pagine 144
Euro 12,50
Collana: Biblioteca Neri Pozza

Nel 1190 Moshe ben Maimon, noto come Mosè Maimonide ai dotti del suo tempo, filosofo, rabbino e talmudista nella Cordova musulmana, scrisse in arabo La guida degli smarriti (La guida dei perplessi, secondo un’altra traduzione del titolo). Nella  città spagnola, retta dal tollerante Califfato degli Almoravidi, l’opera ebbe  un’immediata fortuna e, insieme con altri trattati del talmudista, fece di Maimonide il  più onorato e rispettato filosofo ebreo del Medioevo.
Jean d’Ormesson ha preso in prestito il titolo del pensatore di Cordova per questo  suo manualetto a uso degli smarriti della nostra epoca. Benché sia sempre possibile  scovare segrete affinità tra le epoche, i quasi mille anni trascorsi dal tempo di Maimonide – e di Filippo Augusto, di san Francesco d’Assisi, dell’imperatore  Federico II e di Saladino –, impediscono naturalmente qualsiasi  comparazione tra le «anime smarrite» di Moshe ben Maimon e quelle odierne di Jean d’Ormesson. È tuttavia certo che oggi non siamo affatto immuni dal  disorientamento. «Oggi come ieri siamo tutti degli smarriti», non fosse altro che «i  motivi e il senso del nostro passaggio su questo pianeta che chiamiamo Terra ci restano del tutto oscuri».
Nulla di meglio, perciò, che affidarsi alle massime e ai precetti dell’autore di A Dio  piacendo, un uomo e uno scrittore che ha attraversato le tragedie e i furori di un  secolo senza rinunciare mai alla grazia e alla levità del pensiero.

«Le pagine che seguono costituiscono un tentativo di risposta alla domanda:
che cosa ci faccio qui?»
Jean d’Ormesson


«Jean d’Ormesson dà libero sfogo alla sua gaia scienza, il suo spirito è intatto, la sua brillantezza scintillante».
Le Figaro

l'autore

Jean d'Ormesson

Jean d'Ormesson

Jean d’Ormesson è nato a Parigi nel 1925. Membro di vari gabinetti ministeriali, dal 1974 al 1977 è direttore del quotidiano nazionale francese Le Figaro, con cui collabora tutt’oggi regolarmente con la sua rubrica «Dibattiti e opinioni». Nel 2015 la sua opera è entrata nella Bibliothèque...

dello stesso autore: